Posted in Consigli

Galleggiante per kayak, qual è l’interesse?

Galleggiante per kayak, qual è l’interesse? Leave a comment

Qual è lo scopo di un galleggiante per kayak ? Uno dei principali ostacoli che sentiamo sul kayak è l’instabilità della barca. E questo può anche trasformarsi in ansia per alcuni quando si parla di kayak sit-in. La manovra Eskimo roll, che consiste nel tornare in posizione eretta con il corpo (e la testa) fuori dall’acqua dopo un cappottamento; anche se è abbastanza semplice da eseguire una volta imparata la tecnica, può essere spaventosa. E questo può anche impedire ad alcune persone di godersi questa attività, che è comunque accessibile a tutti! La soluzione contro l’instabilità? Galleggianti di stabilizzazione!

Storia del galleggiante

L’idea di aggiungere un galleggiante laterale ad una barca per stabilizzarla non è nuova. Tutt’altro! Infatti, i polinesiani hanno applicato questo principio alle loro piroghe fin dall’alba dei tempi, al punto che ha permesso loro di esplorare l’intero Pacifico, colonizzando così le isole del più grande oceano del nostro pianeta. Dalla Micronesia all’Isola di Pasqua, dalla Nuova Caledonia alle Hawaii, alla fine, tutte queste esplorazioni non sarebbero state possibili senza i galleggianti laterali stabilizzanti. Quindi se i gloriosi esploratori hanno usato questa tecnica per domare il Pacifico, perché non usare questa tecnica provata?

Il principio è semplice: aggiungi ad una barca snella e filante e aerodinamico, orientato alla planata ma quindi fondamentalmente instabile, un laterale estensione che non rallenterà la planata della barca ma agirà semplicemente come un pendolo. Questo braccio laterale, oltre a stabilizzare la barca per l’effetto pendolo, riposerà anche sull’acqua attraverso un galleggiante posto alla sua estremità, parallelamente alla barca.

L'histoire du flotteur
La storia del galleggiante

Le canoe polinesiane e i kayak eschimesi avevano anticamente un solo stabilizzatore, che era sufficiente nella maggior parte dei casi. Tuttavia, va notato che negli anni ’30, l’inglese Gino Watkins, che stava studiando lo stile di vita degli Inuit, e quindi stava cercando di vivere come loro, morì perché la foca puntata a destra (mentre la pagaia che fungeva da galleggiante di riserva era estesa a sinistra) era passata davanti alla prua. Watkins ha aspettato troppo a lungo e ha sparato quando il sigillo era sulla sinistra. Di conseguenza, il rinculo della pistola lo fece capovolgere perché non c’era supporto. I suoi pantaloni di pelle d’orso sono stati trovati su un icefloe, ma mai il suo corpo.

Il moderno galleggiante laterale del kayak

Ma questo semplice principio è stato fortunatamente modernizzato, e ora permette di appoggiarsi su ogni lato della barca per una stabilizzazione ottimale. Non c’è più bisogno di braccia lunghe diversi metri. I galleggianti moderni sono ora posizionati abbastanza vicino al kayak, nella parte anteriore o posteriore della barca, e sono profilati per assicurare una perfetta scorrevolezza!

Oggi il galleggiante per kayak viene utilizzato per stabilizzare i canoe e kayak che non sono molto stabili. A questo proposito, le applicazioni sono abbastanza molteplici.

  • È altamente raccomandato se si vuole affrontare l’alto mare in kayak; ammorbidisce l’attraversamento delle linee di marea e stabilizza la barca in caso di surf.
  • per stabilizzare il kayak durante le sessioni di pesca; la pesca in kayak è sempre più popolare, ma essere in grado di stare in piedi non è possibile su qualsiasi kayak, e non è alla portata di chiunque. Inoltre, la maggior parte dei pescatori confermerà che è difficile pescare se non puoi stare in piedi almeno una volta ogni tanto. Con i galleggianti canoa e kayak, nessun problema!
  • in caso di capovolgimento o rollio fallito, è molto più facile risalire su un kayak stabilizzato che se non è dotato di galleggianti. In effetti, può anche essere impossibile in alcuni casi: gli eschimesi non praticavano l’imbarco in solitaria, era l’eskimo o l’annegamento. Grazie agli stabilizzatori, l’imbarco in solitaria è diventato possibile, anche in barche molto strette!
  • infine, e questo riguarda molti utenti, in un kayak da diporto non vuoi necessariamente girarti, e nemmeno bagnarti. Nel complesso, con la presenza di galleggianti laterali, il rischio è quasi nullo!
Galleggiante per kayak e canoa
Galleggiante per canoa

Oggi, la maggior parte delle marche di kayak rigidi offrono un’opzione di galleggiante stabilizzatore per kayak per i loro le loro barche. Ad oggi, non esiste ancora un sistema di stabilizzazione specificamente adattato a specificamente adattato ai kayak gonfiabili, soprattutto perché sono spesso molto stabili. Ma possiamo essere sicuri che questo non tarderà ad arrivare. D’altra parte, ci sono galleggianti per kayak rigidi e gonfiabili. Il principio rimane lo stesso con entrambi i sistemi, ma se c’è una galleggiabilità superiore con i gonfiabili, sono un po’ meno resistenti e generano più disturbi e attriti dei galleggianti rigidi, il che influisce un po’ di più sulla scorrevolezza.

Fai attenzione, l’uso di sconsigliato in acque bianche: potrebbero impigliarsi negli ostacoli e creare situazioni pericolose. D’altra parte, sono ideali per il mare, la pesca e anche la caccia in kayak

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.