Posted in Consigli Non categorizzato

Come trasportare facilmente il tuo kayak?

Come trasportare facilmente il tuo kayak? Leave a comment

Il trasporto di un kayak è uno dei vincoli più spesso menzionati quando si parla con altri appassionati di kayak o anche con i principianti. Questo spiega l’ascesa del kayak gonfiabile, per il quale il trasporto e lo stoccaggio non sono più un problema: asciuga, piega, conserva e vai! Ma quali sono le soluzioni per coloro che preferiscono il kayak rigido?

Dal garage alla macchina

Un kayak rigido è ingombrante! I proprietari di kayak di solito li conservano nel loro garage, capannone, cantina o altra soffitta

Caricare la barca sul tetto dell’auto o sul rimorchio può essere complicato. Fortunatamente, ci sono aiuti per il carico che permettono ad una sola persona di installare il kayak o canoa sul tetto del proprio veicolo senza difficoltà. Il principio è semplice. Un braccio di supporto telescopico è dispiegato e si estende dal lato della macchina (con un fermo per evitare che il kayak cada). Lasciando un’estremità del kayak a terra, puoi far scivolare l’altra estremità sul braccio. Non resta che spostarsi all’altra estremità del kayak. Poi solleva la parte ancora a terra e falla scivolare sul supporto sul tetto dell’auto.

Tutto quello che resta da fare è fissare la barca al portapacchi e questo è tutto! E questo sistema funziona anche per scaricare la barca!

Naturalmente, questo non ha molto senso per un kayak monoposto che pesa meno di 20 kg. Ma quando si tratta di barche più grandi e pesanti, specialmente le canoe, caricare/scaricare questo tipo di barca da solo sarebbe una vera sfida senza questo tipo di sistema.

Trasporto kayak in auto

Il trasporto di un kayak sul tetto di un’auto richiede l’installazione di un supporto. Come minimo, questo significa portapacchi kayak, rigido o gonfiabile. Se ti attieni a questo tipo di supporto, non dovresti considerare di viaggiare troppo lontano. Sempre a velocità moderata e le barche possono essere posizionate solo a testa in giù. Per avere una superficie d’appoggio più piatta possibile.

Nel caso di una barca sit-on-top, questo è relativamente semplice, ma non appena hai un kayak con ponte, le superfici piane tendono ad essere inesistenti e devi scegliere un supporto o porta kayak per auto specificamente adattato alla forma delle barre del tetto E alla forma della barca.

porta kayak per auto
Porta kayak per auto

Ci sono supporti ovali, supporti a V, supporti a J, supporti a culla, ecc. La cosa migliore da fare è chiedere a un professionista (dell’industria del kayak!!!) di scoprire quale staffa è più adatta alla forma della tua barca.

Una volta che il kayak è in posizione, non dimenticare di fissarlo con le cinghie (idealmente cinghie a cricchetto per un serraggio ottimale, o fibbie). Una volta che il kayak è assicurato, puoi partire, tenendo presente che la barca può superare la lunghezza del veicolo (quindi anticipa i potenziali problemi nelle curve o negli ingorghi prendendo un margine) e aumenta l’altezza totale (attenzione ai ponti, alle barriere del pedaggio, ecc.).

Dal veicolo all’acqua con un carrello canoa

È relativamente raro che tu possa parcheggiare sul bordo dell’acqua e che tu debba semplicemente portare il kayak a pochi metri dall’acqua. Dune, foreste, sponde ripide: molti ostacoli possono ancora frapporsi tra l’auto e l’acqua. Dato che un kayak è pesante e ingombrante, le poche decine di centinaia di metri da attraversare possono sembrare un monte Everest, irraggiungibile senza la giusta attrezzatura!

Trasporto <a href=carrello porta kayak” class=”wp-image-224″/>
Trasporto carrello porta kayak

Fortunatamente, il carrello per canoa è lì per facilitare questo passo finale. Alcuni carrelli sono sviluppati specificamente dalle marche per alcuni modelli di barche. Pensiamo a RTM e al suo carrello “Kirool”, i cui bracci sono fissati nei fori autosvuotanti delle barche RTM. Nella maggior parte dei casi, i carrelli sono adattati a un gran numero di modelli. Puoi anche scegliere il tipo di ruota che vuoi a seconda del tipo di ambiente che incontri. In zone molto sabbiose, cercheremo le ruote gonfiate. In una pressione molto bassa per avere un ampio supporto, che non affonda. D’altra parte, nelle aree in pendenza, cercheremo la leggerezza e sceglieremo un carrello canoa con ruote rigide.

Vale la pena notare che alcuni produttori di carrelli includono anche una funzione a doppio uso nel prodotto. Alcuni carrelli possono essere utilizzati come sedile, o anche come sedile + ombrellone. Infine, ci sono anche carrelli per trasportare diversi kayak simultaneamente, in modo modulare.

Trasporto di kayak da evitare!!!!

non fare
non fare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.